Anche se il rendiconto delle attività riguarda l’anno accademico-sportivo 2012/2013 il bilancio economico, riferito necessariamente all’anno solare, rispecchia comunque i costi sostenuti in 12 mesi di attività. Pubblichiamo quindi di seguito il conto consuntivo consolidato dell’esercizio 2013 trattato in forma semplificata per una sua migliore lettura in funzione del bilancio sociale.

 

CONTO ECONOMICO SEMPLIFICATO
ESERCIZIO 2013

 

VALORE DELLA PRODUZIONE  € 51.166.923,45
COSTI  € 50.444.028,98
 € 722.894,47

 

La differenza tra valore della produzione e Costi di gestione pari a Euro 722.894 è stata utilizzata a copertura di imposte, tasse e oneri vari.

Di seguito i dettagli delle macrovoci:

VALORE DELLA PRODUZIONE

Contributi pubblici (CONI, Stato, Enti locali, etc)  € 21.318.995,45
Quote affiliazione  € 24.500,00
Quote tesseramento  € 1.886.765,00
Ricavi (manifestazioni sportive, formazione, altro)  € 27.075.865,00
TOTALE  € 50.306.125,45

 

grafico: valore della produzione

grafico: valore della produzione

Dal grafico si evince che la maggior parte delle entrate è derivata dalle iniziative sportive e formative (53,82%) realizzate dai CUS nel territorio nazionale e di cui si è data opportuna rendicontazione in questo bilancio sociale (corsi, tornei, …). Le rimanenti entrate sono derivate per il 42,38% da fondi pubblici e una parte residua pari a circa il 4% da quote individuali.

Grazie al mix di entrate pubbliche e private è stato possibile attuare un numero davvero sostanzioso di iniziative che sono state realizzate a costi molto bassi rispetto al costo reale in parte coperto dai fondi pubblici (42%).

COSTI

COSTI
Attività sportiva e Formativa  € 22.380.358,98
Personale e collaboratori  € 10.937.346,00
Consulenze  € 67.788,00
Organi statutari  € 517.701,00
Funzionamento strutture  € 9.350.480,00
Spese generali (assicuraz., editoria, gestione, …)  € 7.190.355,00
TOTALE  € 50.444.028,98

 

grafico: costi

grafico: costi

 

A fronte delle entrate pubblico-private necessarie per la copertura dei costi di gestione delle iniziative sportive e formative realizzate dai CUS in tutto il territorio nazionale, si evince dal grafico che i costi per personale, collaboratori, organi statutari e consulenti, coprono circa il 22% del totale; tali costi sommati a quelli di gestione (14%) costituiscono circa un terzo del totale costi.

I due costi principali sono a copertura delle spese per la gestione delle strutture (circa il 18%) e della vera e propria attività sportiva e formativa (44% del totale).

Le strutture, pur se molto numerose, sono state gestite con una quota di costi pari a circa il 18% del totale, quota che sappiamo essere molto esigua rispetto ai costi di gestione standard.

In pratica solo un terzo circa delle entrate è utilizzato per coprire concretamente i costi di personale e gestione e due terzi invece per coprire i costi di funzionamento e realizzazione specifica delle iniziative.

Ciò non sarebbe possibile se non vi fosse una importante organizzazione nazionale ed una ampia ed organizzata comunità di personale volontario che ruota attorno al sistema CUSI e che supporta e gestisce costantemente buona parte delle attività realizzate, ampliando così in modo significativo le attività svolte e la platea raggiunta.

In sostanza si rileva l’effetto moltiplicatore dell’investimento pubblico realizzato nei CUS e nel CUSI (pari a circa 21 milioni di euro) che produce nel complesso un ritorno in termini sociali pari ad un valore più che raddoppiato (50 milioni di euro).

Ma si può anche aggiungere che se i costi non fossero coperti in parte da investimenti pubblici, non sarebbe stato possibile mantenere quote così basse per la gestione delle iniziative, riducendo enormemente il numero delle proposte e quindi il pubblico partecipante: non si sarebbe di conseguenza raggiunto l’obiettivo di diffondere l’attività sportiva in tutto il territorio ove ha sede il sistema universitario nazionale.